Idee e consigli

porta blindata

Perché e come scegliere una porta blindata

07 novembre 2017

La porta blindata è un elemento strutturale fondamentale per l’abitazione sia perché esteticamente ha un impatto notevole sull’arredamento e sull’atmosfera che la casa riesce a creare sia perché le sue funzioni sono di importanza necessaria. In particolare, la porta blindata (nota anche con il nome tecnico di porta anti intrusione) ha tre preziose funzioni per l’abitazione:

  1. di protezione. La porta blindata rientra nella cosiddetta difesa passiva, trattandosi di strumento la cui finalità è quella di evitare intrusioni ed effrazioni di ogni genere da parte di malintenzionati. Ecco perché è fondamentale che una porta blindata mantenga inalterate nel tempo le sue caratteristiche funzionali ed estetiche;
  2. di risparmio energetico. La porta blindata è preziosa per l’isolamento termico e per l’isolamento acustico dell’abitazione;
  3. estetica. La porta è un elemento di design dell’abitazione, per questo è molto importante sceglierla secondo il proprio gusto estetico e rispettando l’arredamento dell’abitazione.

Gli elementi di una porta blindata

Per poter garantire sicurezza alla tua abitazione, una porta blindata deve possedere determinate caratteristiche tecniche, a partire dagli elementi che la compongono. I principali sono quattro:

  • il telaio, una struttura in acciaio fissata al muro con viti e staffe, anche queste in acciaio;
  • l’anta, che è formata da lamiere in acciaio (interne ed esterne), il cui numero varia in base al tipo di porta;
  • le cerniere, sulle quali è ancorata l’anta della porta e solitamente saldate al telai;
  • la serratura di sicurezza, che è un elemento essenziale e deve essere particolarmente efficiente e solita per evitare le intrusioni.

Gli altri elementi che costituiscono la porta blindata sono: il controtelaio, il cilindro di sicurezza, le zanche incassate nella muratura, il longarone di rinforzo, le ate e il deviatore di chiusura, i montanti di rinforzo e l’eventuale coibentazione termoacustica.

 

Le classificazioni di una porta blindata

La porta blindata è un prezioso filtro tra l’ambiente interno e quello esterno dell’abitazione, assicura protezione, sicurezza e intimità. Molte ricerche hanno dimostrato come le porte blindate abbiano ridotto il numero di effrazioni delle abitazioni domestiche.

Al fine di offrire garanzia di sicurezza, oggi le imprese produttrici di porte blindate sono obbligate ad effettuare specifici test che ne accertino l’efficacia e la resistenza, prove che sono definite dall’Ente Nazionale Italiano di Unificazione (UNI), addetto alla normativa nei settori commerciali, industriali e terziario. I test antieffrazione a cui una porta blindata deve essere sottoposta sono 3:
1. Prova al carico statico (UNI EN 1628:2011), che misura la resistenza ai pesi della porta;
2. Prova al carico dinamico (UNI EN1629:2011), che simula un tentativo di sfondamento;
3. Prova di attacco manuale (UNI EN 1630:2011), che simula un’intrusione con strumenti da scasso.

Se l’esito è positivo per tutti e tre i test, alla porta blindata sarà assegnato un certificato di conformità alle normative UNI e nel quale è indicato che la porta rientra in una della 6 classi che ne definiscono la sicurezza e le caratteristiche:

  1. Porta blindata di Classe 1, garantisce una protezione bassa, per questo è indicata per le abitazioni sottoposte a scarso rischio di effrazioni. La porta blindata di Classe 1, infatti, resiste ai tentativi di scasso da parte di un soggetto con scarsa esperienza o sprovvisto di adeguata attrezzatura;
  2.  Porta blindata di Classe 2, progettata per resistere al tentativo di effrazione da parte di un soggetto inesperto ma, in questo caso, dotato di attrezzatura di base, sebbene non particolarmente adatta (come un cacciavite o un martello;
  3. Porta blindata di Classe 3. Il livello di protezione garantito cresce ed è un sistema di sicurezza indicato per abitazioni che non sono isolate. La porta blindata di Classe 3 resiste ai tentativi di intrusioni da parte degli scassinatori ben attrezzati;
  4. Porta blindata di Classe 4. Assicura una protezione alta, adatta per case sottoposte ad alto rischio di effrazione, negozi e banche. Queste porte blindate resistono ai tentativi di scasso da parte di soggetti esperti e ben attrezzati;
  5. Porta blindata di classe 5. Garantisce un livello di sicurezza molto alto ed è adatta a gioiellerie, banche, edifici pubblici. Le porte blindate Classe 5 resistono ai tentativi di intrusione effettuati da soggetti dotati di attrezzatura elettrica, come il trapano;
  6. Porta blindata di classe 6. Assicura protezione assoluta, ideale per gli edifici zone che necessitano di estrema sicurezza, come i caveau, le zone militari e le centrali nucleari. Con le porte blindate Classe 6 la percentuale di effrazione è quasi nulla poiché sono progettate per resistere ai tentativi di effrazione da parte di soggetti particolarmente esperti e dotati di attrezzatura elettrica potente e di materiale esplosivo.

Come scegliere una porta blindata

Quando scegli la portata blindata per la tua abitazione, il tuo ufficio o la tua azienda, ci sono alcune importanti caratteristiche strutturali e tecniche che devi tenere in considerazione. Eccole:

#1. La resistenza all’effrazione

La resistenza all’effrazione è misurata dalla norma europea ENV1627, che assegna alla porta una classe da 1 a 6, a seconda del grado di protezione che assicura (si tratta della classificazione che hai incontrato poco fa).

#2. La Marcatura CE

La legge prevede che dal 1 febbraio 2010 tutte le porte pedonali esterne rispettino la normativa CE e siano dotate dell’apposita marcatura. Come ti dicevo, infatti, le imprese produttrici di porte blindate sono obbligate ad effettuare specifici test che ne accertino l’efficacia e la resistenza, al superamento dei quali viene rilasciato il certificato di conformità alle normative UNI.

#3. La trasmittanza termica

La trasmittanza termica misura quanto calore viene disperso attraverso la porta. In U si esprime il valore che indica la capacità di isolare termicamente l’interno dell’abitazione dall’esterno e, quindi, il risparmio di energia che può assicurare. Quanto più il valore di U è basso, maggiore è l’isolamento termico della casa e, perciò, il risparmio energetico garantito.

#4. La tenuta alle intemperie

Se la porta della tua abitazione è esposta all’esterno, nel momento dell’acquisto puoi decidere di dotarla di un apposito kit (pannello da esposizione esterna, guarnizione, specifiche lavorazioni dell’anta) che ne migliori le prestazioni di tenuta all’aria, all’acqua, al vento e alle intemperie.

#5. Isolamento acustico

L’isolamento dai rumori esterni è molto importante per garantire confort e intimità alla tua quotidianità casalinga. Specifici test di laboratorio valutano la capacità della porta di abbattere il rumore e la indicano con valori determinati, che quanto più sono elevati tanto più indicano la capacità della porta di garantire l’isolamento acustico all’abitazione.

 

Vuoi ristrutturare la tua casa a Trieste e in provincia? Vuoi scegliere un Interlocutore Unico e affidarti a professionisti esperti e fidati?

RICHIEDICI ORA IL TUO PREVENTIVO!

Tu non dovrai preoccuparti di nulla.

torna a
Idee e consigli