Idee e consigli

ristrutturazione edilizia lavori manutenzione trieste

Ristrutturazione edilizia, manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, lavori di restauro e risanamento conservativo: le differenze

Quando effettuiamo un lavoro di manutenzione sul nostro immobile, non necessariamente lo stiamo ristrutturando, eppure spesso crediamo che sia così. In realtà, quando parliamo di ristrutturazione edilizia, di manutenzione ordinaria, di manutenzione straordinaria o di lavori di restauro e di risanamento conservativo di un immobile non ci riferiamo alle medesime attività. La confusione a riguardo è tanta, per questo faremo ora chiarezza. Quali sono le differenze? Quali le peculiarità? Te le suggeriamo in questo post.

Cos’è la Ristrutturazione Edilizia

Il Testo Unico dell’Edilizia, D.P.R. 380/01 all’art.3, comma 1, lettera d definisce così la ristrutturazione edilizia:

Interventi rivolti a trasformare gli organismi edilizi mediante un insieme sistematico di opere che possono portare ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente.

I lavori di ristrutturazione edilizia, quindi, sono interventi edilizi che trasformano gli edifici esistenti e lo fanno modificando, eliminando o ripristinando i vecchi elementi architettonici o aggiungendo nuovi elementi architettonici e nuovi impianti. Così, a titolo esemplificativo, si parla di ristrutturazione edilizia quando:

  • si demolisce parte di un immobile;
  • si demolisce parte di un immobile e si ricostruisce nel rispetto della volumetria e della sagoma;
  • si demolisce un immobile e si ricostruisce ex novo;
  • si trasformano le superfici accessorie delle abitazioni (ad esempio gli scantinati) in superfici utili all’abitabilità;
  • si effettua un cambio di destinazione d’uso dell’immobile;
  • si ampliano gli immobili nel limite del +20% della volumetria già esistente;
  • si procede con un frazionamento delle unità immobiliari esistenti.

Qui trovi i nostri servizi di ristrutturazione edilizia completa.

Quali sono i lavori di manutenzione ordinaria?

I lavori di manutenzione ordinaria fanno riferimento:

Quali sono i lavori di manutenzione straordinaria?

I lavori di manutenzione straordinaria sono gli interventi edilizi sulle parti strutturali dell’edificio e sulle murature e quegli interventi che introducono un elemento di innovazione nell’immobile o in parti di esso o nei suoi impianti.

Esempi di lavori di manutenzione straordinaria sono: la sostituzione degli infissi esterni con infissi di materiali nuovi e più efficienti; la sostituzione della vecchia caldaia con una nuova caldaia a condensazione; il rifacimento di rampe e di scale; la realizzazione e l’adeguamento delle opere accessorie, come le canne fumarie e gli ascensori.

Quali sono i lavori di restauro e di risanamento conservativo?

Gli interventi di restauro sono quelli che hanno l’obiettivo di conservare, recuperare e valorizzare gli immobili che si caratterizzano per il loro valore architettonico, ambientale, storico e culturale.

I lavori di risanamento conservativo si riferiscono agli interventi edilizi che hanno l’obiettivo di recuperare l’immobile dal punto di vista funzionale, igienico e statico.

Nel caso dei lavori di restauro e di risanamento conservativo è necessario che sia garantito il rispetto degli elementi tipologici, formali e strutturali dell’edificio, in modo da assicurarne la compatibilità con la destinazione d’uso.

Vuoi ristrutturare il tuo edificio, eseguire lavori di manutenzione ordinaria o straordinaria o interventi di restauro e di risanamento conservativo?

RICHIEDICI ORA IL TUO PREVENTIVO!

torna a
Idee e consigli